Jean-Claude Izzo

Jean-Claude Izzo in una foto di Catherine Bouret

Che io ami i libri di Jean-Claude Izzo è cosa nota, soprattutto a chi se li è sentiti consigliare, e a  chi se li è sentiti  citare ogni volta che si è versato del Lagavulin o ha raccontato di un viaggio a Marsiglia.

Che mi faccia piacere che dopo quasi venti anni dalle prime edizioni Jean-Claude Izzo sia definitivamente entrato nelle biblioteche di molti lettori anche in Italia è indiscutibile.

Ho letto articoli pieni di rispetto e affetto per la caparbia e risoluta coerenza  e le conseguenti scelte pagate in prima persona da Jean-Claude Izzo, e in particolare Carlo Grande su La Stampa qualche anno fa e Alias del Manifesto qualche mese fa.

Non mi sento e non mi sembra il caso per parlare di Jean-Claude Izzo di aggiungere parole mie alla Letteratura che ha saputo creare.

Oggi propongo una pagina di poche righe tratta da Chourmo – Il Cuore di Marsiglia nella edizione 1999 di e/o.

Queste poche righe creano, a me almeno, un piccolo interrogativo. Che vi esporrei dopo avervi fatto leggere le righe, per vedere se il dubbio è solo mio e se qualcuno mi offre una soluzione. Ecco dunque le parole di Jean-Claude Izzo:

“…..Gélou si voltò e tutta la mia giovinezza mi saltò addosso. Era la più bella del quartiere. Aveva fatto girare la testa a più d’uno, me per primo. Aveva accompagnato la mia infanzia, alimentato i miei sogni di adolescente. Era stata il mio amore segreto. Inaccessibile. Gélou era più grande. Aveva quasi tre anni più di me.
Mi sorrise, e due fossette le illuminarono il viso. Il sorriso di Claudia Cardinale. Gélou sapeva di assomigliarle. Quasi in ogni tratto. Ci giocava spesso con questa somiglianza, arrivava addirittura a vestirsi e pettinarsi come la star italiana. Non perdevamo nessuno dei suoi film. La mia fortuna era che ai fratelli di Gélou non piaceva il cinema. Preferivano le partite di calcio. Gélou veniva a chiamarmi, la domenica pomeriggio, per farsi accompagnare. Da noi, a diciassette anni una ragazza non usciva mai sola. Neanche per andare a trovare le amiche. Ci doveva sempre essere un maschio di casa. E Gélou mi voleva bene.
Adoravo stare con lei. Per strada, quando mi prendeva a braccetto, mi sentivo un re! Durante la proiezione del “Gattopardo” di Visconti, stavo per impazzire. Gélou si era avvicinata e mi aveva mormorato all’orecchio: “Guarda che bella”. Alain Delon la prendeva tra le braccia. Avevo posato la mano su quella di Gélou e, quasi senza voce, le avevo risposto: “Come te”.

Restò con la mano nella mia per tutta la proiezione.
Non capii niente del film, tanto ero eccitato. Avevo quattordici anni.
Ma non somigliavo per niente a Delon, e Gélou era mia cugina. Quando la luce tornò in sala, la vita riprese il suo corso e io capii che sarebbe stata totalmente ingiusta.
Fu un sorriso fugace. Il lampo dei ricordi. Gélou si avvicinò. Feci appena in tempo a vederle gli occhi riempirsi di lacrime ed era già tra le mie braccia.
“Sono contenta di vederti” dissi, stringendola a me.
“Ho bisogno del tuo aiuto, Fabio”.
La stessa voce roca dell’attrice. Ma non era una replica del film. Non eravamo più al cinema. Claudia Cardinale si era sposata, aveva avuto dei figli e viveva e felice. Alain Delon era ingrassato e guadagnava un sacco di soldi. Noi eravamo invecchiati. La vita, come promesso, era stata ingiusta con noi. E lo era ancora. Gélou aveva dei problemi…..”

E ora , se avete avuto la pazienza di leggere la descrizione di questo dolce adolescenziale invaghimento che Fabio Montale , il protagonista della Trilogia, ricorda quando reincontra Gèlou, vi espongo il mio dubbio:

Perchè?

Perchè nella produzione televisiva dei tre romanzi , peraltro di qualità e abbastanza fedele al testo originale, il ruolo del protagonista , Fabio Montale, quello che scrive , lo avete letto “…non somigliavo per niente a Delon….” è stato affidato a…..ALAIN DELON?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...